Loader

AVIS FABRIANO: GENNAIO TEMPO DI BILANCI. NONOSTANTE LA PANDEMIA POCA DIFFERENZA TRA DONAZIONI. NEL SOLO MESE DI GENNAIO DEL 2021: 377 NEL 2022: 329. IN PREPARAZIONE LA CAMPAGNA DI NUOVE ADESIONI COINVOLGENDO ASSOCIAZIONI SOCIALI E CULTURALI, GRUPPI SPORTIVI, SCUOLE.

AVIS FABRIANO: GENNAIO TEMPO DI BILANCI. NONOSTANTE LA PANDEMIA POCA DIFFERENZA TRA DONAZIONI. NEL SOLO MESE DI GENNAIO DEL 2021: 377 NEL 2022: 329. IN PREPARAZIONE LA CAMPAGNA DI NUOVE ADESIONI COINVOLGENDO ASSOCIAZIONI SOCIALI E CULTURALI, GRUPPI SPORTIVI, SCUOLE.


“Continuiamo la condivisione dell’attività di AVIS Fabriano con la città e le loro espressioni”. Con questa frase, il presidente dell’Avis di Fabriano, Sebastiano Paglialunga, ha ben sintetizzato un altro difficile anno di vita della Comunale della città che non ha certo perso lo smalto degli anni precedenti.

“Nella seconda metà del 2021, periodo in cui la pandemia ha allentato la stretta sulla vita delle persone – ci risponde – sono ricominciate le iniziative volte a promuovere e divulgare i concetti di solidarietà e di crescita sociale che da sempre AVIS rappresenta”.

Ripercorre per flash il percorso, non privo di difficoltà, portato a termine nel 2021. “I primi giorni di Luglio si è svolto il Camp organizzato dalla Fortitudo Calcio in collaborazione con le AVIS di Fabriano e Cerreto d’Esi che ha visto 60 ragazzi dai 5 ai 13 anni allenarsi presso lo Stadio Aghetoni di Fabriano sotto le istruzioni dei tecnici Fortitudo coadiuvati da 2 mister provenienti dal Bologna FC.”

Da luglio all’autunno risultato un periodo particolarmente intenso: “12 Settembre l’ormai classica Pedalata del Donatore organizzata insieme a Pedale Stracco ha portato centinaia di bikers lungo i sentieri panoramici che circondano Fabriano. il 26 Settembre si è svolta l’Albarun, corsa non competitiva con partenza all’alba e itinerario per le vie della città insieme alla Podistica AVIS Fabriano. il 10 Ottobre Passeggiata d’Autunno organizzata con Attivamente Alzheimer con inizio dal campo Rugby C.Alterio per sensibilizzare i cittadini al tema di tale patologia. 3 Ottobre appuntamento per il pranzo d’autunno a Marotta dopo aver visitato Corinaldo e incontrato la Presidente della locale AVIS”.

Novembre è l’altro mese che ha visto la ripresa di due importanti iniziative:

“Sono ricominciati, tra mille difficoltà e nel rispetto delle norme Covid, gli incontri nelle scuole superiori per illustrare ai 18enni il significato della donazione di sangue come gesto che accomuna i membri della comunità a quelli più fragili. Il nuovo questionario “AVIS, la tua associazione da vivere”, distribuito a tutti i donatori che affluiscono al Centro Trasfusionale dell’Ospedale Profili di Fabriano, dove anche gli appartenenti alle altre sezioni della zona hanno potuto fornire valutazioni e suggerimenti. Nei dettagli, oltre 600 moduli compilati nella prima fase hanno chiesto maggiore impegno nella Scuola (44%), Arte e Cultura (23%) e Sport (26%), fornendoci importanti indicazioni sulle direttrici future delle nostre iniziative. Confortante anche il 14% di donatori che si è reso disponibile a dedicare parte del proprio tempo libero alle attività di AVIS”. 

Il passaggio al mese di Dicembre, il presidente dell’Avis lo riassume così: 

“E’ da sempre il mese in cui si svolge la consegna del pacco natalizio, insieme a calendari e gadgets, che ha visto l’adesione di circa il 90 % dei donatori e collaboratori della nostra sezione. Ma è stato anche il mese che ha visto la partenza di una iniziativa senza pari, almeno nella Regione Marche: la visita cardiologica per l’idoneità dei nuovi donatori e dei 65enni. Viste le difficoltà della struttura sanitaria a fornire in tempi ragionevoli risposte a chi vuole essere parte attiva e contribuire al soddisfacimento del fabbisogno in materia di sangue, l’AVIS di Fabriano ha deciso di accollarsi l’impegno e il costo di tale esame pur di accelerare e soddisfare la volontà di tanti concittadini di diventare donatori. Senza alcun intento di sostituirsi alla Sanità Pubblica, ciò dimostra la determinazione di supplire alle difficoltà momentanee mettendo in campo disponibilità finanziarie e risorse umane per mantenere continuità nella raccolta del sangue, sperando sia da stimolo ad un rapido ristabilirsi della normalità”.

Va da se che in ogni percorso non arrivano solo note positive, purtroppo.

“La pandemia – sono ancora parole di Paglialunga – che restringe e allontana i contatti umani e sociali ha visto dapprima l’annullamento del pranzo sociale organizzato per il 19 Dicembre ma soprattutto ha fatto saltare nuovamente il concerto spettacolo organizzato per la sera dell’ 8 Gennaio 2022 per la celebrazione dei 75 anni dell’AVIS Fabriano, decisione che ha visto tutti unanimi, compresi artisti e Amministrazione Comunale, presa per salvaguardare la già  precaria situazione sanitaria. L’evento avrebbe visto anche la consegna delle Borse di Studio per l’Anno Scolastico 2020/21, cerimonia anticipata al pomeriggio del 7 Gennaio e avvenuta presso la Sede di Via Mamiani con i premiati insieme ad amici e familiari, in un luogo certo più ristretto ma con lo stesso coinvolgimento emotivo – e ancora – Il periodo non si è limitato a questo ma ha visto la scomparsa di tanti amici. Rosilio Gagliardi, Euro Tisi, Domenico Turchi e tanti altri. Donatori come tutti, sostenitori veramente speciali. Ogni giorno sono da esempio e stimolo per le nostre iniziative, precursori dei mille modi per rendersi disponibili e utili alla collettività”.

A questo punto arriva lo sguardo al futuro “Nei prossimi giorni avverrà la consegna degli striscioni personalizzati ai gruppi sportivi che per primi hanno condiviso questa iniziativa (scherma, rugby, Podistica, mountain bike) sperando se ne aggiungano altri a breve. C’è poi l’altro lato della nostra attività, quello meno in vista ma non meno importante: l’immenso lavoro in Sede, 6 giorni su 7, dalla segreterìa con l’aiuto di collaboratrici e i collaboratori, a disposizione dei donatori non solo della nostra sezione, svolto sempre in modo puntuale, amichevole e con la stessa passione di chi è dall’altra parte del telefono. Anche questo aspetto fa di AVIS Fabriano un unicum nel panorama delle AVIS delle Marche. Altre attività – conclude il presidente Avis Fabriano –  sono in preparazione e vedranno la luce durante il 2022 nei settori suggeriti dai donatori tramite il questionario, cercando di coinvolgere più diffusamente persone e segmenti della cittadinanza sempre tenendo presente lo scopo principale dell’AVIS: la solidarietà, coniugata con il benessere di ognuno e portata avanti con l’entusiasmo e la volontà di tutti, come collante di una comunità.”

Articolo di Daniele Gattucci.

<h5><span style="color: #ffffff;">In questo sito utilizziamo cookie. Accettando acconsenti al loro utilizzo da parte nostra.</span></h5> MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi